NEWS

Mundialito che finale: vince Braga, ma la Domsubet Catania sfiora l’impresa. Il tabellino

Second finali, solo cinque al termine, Zurlo alza il pallone e lo orienta come sa lui fare, sul secondo palo però c’è il balzo di rafael a togliere i sogni del meritato pareggio e consegnare il Mundialito de club a Braga. Vincono i portoghesi 7-6 dopo un’autentica battaglia, con una Domusbet Catania fantastica che non ha mai mollato dal primo all’ultimo minuto. Un rammarico forse, quello di aver sprecato tanto e troppo nel primo tempo e di aver trovato un Rafael in giornata di grazia a parare tutto e di più. Primo tempo chiuso sul 4-1 per Braga con tanto spreco però della Domusbet Catania su piazzati che potevano essere letali. Nella ripresa però la riscossa dopo la rete nella prima frazione di Sydorenko: Bryshtel la riapriva, stesso discorso per il colpo di testa di Lucao. Poi Bokinha e Bruno Xavier con in mezzo la botta di Gentilin per il 6-4. Nel terzo e ultimo tempo gestione della sfera di Braga, ma la Domusbet Catania non mollava e trovava il meno uno con Bokach. Ma Felipe come nel match del girone sembrava chiudere i giochi, 7-5. Ci pensava Zurlo a un minuto dalla fine a rimettere la speranza. Poi il volo di Rafael sulla spinta massima degli etnei e la Coppa in mano ai portoghesi. Il resto sono solo applausi per i rossazzurri, per raguardo straordinario raggiunto alla prima apparizione mondiale dove nessuna italiana era mai arrivata. Lucao top scorer e solo uno dei tanti punti di forza di una squadra diretta nel migliore dei modi e con grande sagacia da Fabricio Santos il resto si vedrà, ma la fiducia è tanta.

di seguito il tabellino della gara

BRAGA-DOMUSBET CATANIA BS 7-6

BRAGA: Rafael, Bruno, Bernardo, Torres, Gelipe, Jordan, Bokinha, Be Martins, Leo Martins.

DOMUSBET CATANIA BS: Sydorenko, Corosiniti, Zurlo, Gentilin, Lucao, Fred, Bryshtel, Palmacci, Bokach, Barravecchia. all. Fabricio Santos

Marcatori: Leo Martins, Sydorenko, Be Martins, Jordan, Leo Martins, Bryshtel, Lucao, Gentilin, Bokinha, Bokach, Bruno Xavier, Zurlo.

Leave a Reply