NEWS

Rigori fatali, Supercoppa al Terracina.

La voglia di rialzarla e la stuzzicante possibilità di conquistare il secondo trofeo stagionale. Catania Bs chiama e i tifosi del Catania rispondono con oltre 1000 presenze all’Arena beach della Plaja di Catania. Ma Catania sbatteva contro un muro chiamato Costa e davanti anche alla poca lucidità nei momenti topici

Gara dura, la grande sfida, la classica del beach, contro quel Terracina fastidioso. Confronto numero 34 ma la storia oggi e’ diversa e si chiama Supercoppa.

Tirata ed appesa ad un filo la gara: 0-0 il primo tempo con Andrade e Costa a chiudere due occasioni per parte. Tatticismo esasperato, voglia di superarsi e giocate di Palmacci, Llorenç due volte con meraviglioso scavetto sulla sabbia e Palazzolo che mettevano i brividi a Costa. Stesso discorso per Andrade strepitoso in tre occasioni.

Non si muove foglia, la tensione mette fretta sul più bello. Ma Catania ci crede, attaccava a testa bassa ma Costa era inespugnabile e parava anche il rigore calciato da Palmacci a due dalla fine. Catania ci provava fino alla fine ma ancora Costa su Zurlo diceva di no. Supplementari. All’extra time ancora Costa strepitoso su Catarino e Llorenç e Terracina vicino al colpi gobbo con la traversa di Duarte.

Ai rigori Terracina perfetta mentre il rigore di Sciacca purtroppo vola alto e Supercoppa tra le braccia del Terracina. Per il Catania Bs adesso azzerare e con rabbia affrontare domani ancora contro Terracina i quarti della final eight scudetto

Leave a Reply